giovedì 18 maggio 2006

Amore vuol dire... parte II

Non v’è amor – no, no – se non v’è libertà!

Libertà! Libertà! Nome dolce per cui si muore. Nome dolce per cui si rinuncia a tutto, anche all’amore se per malaugurata sorte amore e libertà ci dicono parole diverse.

E una cosa che non sopporto è che mi si parli di “dovere” nelle cose di cuore.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Libertà è anche il rispetto della persona che si ama. Cristina

elle ha detto...

la parola dovere non si amalgama con la parola cuore, perché il dovere lega, costringe, incanala... e forse nelle ragioni del cuore si vorrebbe essere sempre liberi dalle condizioni, ma c'è un però quando qualcosa va storto la parola dovere si mette tra le scatole, imbrigliando il cuore e l'amore... non ci sono segreti, ci sarebbe solo una cosa da fare per non legare la parola dovere a quella del cuore, imparare ad ascoltarsi, non dirsi bugie, e soprattutto non autoconvincersi che tutto quello che abbiamo è davvero quello che desideriamo!
un bacio