giovedì 23 febbraio 2006

Cripto

ciccio ha detto...
mi pare non ci sia altro da dire. la tua
mutazione è compiuta. da criptoleghista, sei diventato leghista doc. ed anche un
po' neo-con. complimenti. un'altra bella traiettoria (o meglio, cilecca) del
sessantottismo italico. la vostra generazione fa proprio schifo. ci avete
lasciato un paese allo sbando, in bancarotta. facevate finta di fare la
rivoluzione, e adesso siete i più borghesi di tutti. almeno la generazione
precedente alla vostra ha pagato il fio con la guerra, e qualcosa l'ha pure
ricostruita. ma voi? voi non avete fatto altro che vivere alle spalle loro ed
alle spalle nostre, giocando a fare i matti ed al libero sesso. ed adesso mi
finite razzisti e qualunquisti. almeno - fateci il favore - non venite a darci
lezioni. e soprattutto, evitate di postulare per un posto in parlamento. lo
schifo che ci avete lasciato, lasciatelo gestire a noi.

Gentilissimo anonimo signor Ciccio, di cripto in questo blog c'è solo la tua identità, dal momento che vieni, insulti e non si sa chi sei.

Detto questo, mi permetto di precisare che nel 1968 ho terminato la prima elementare e sono stato brillantemente promosso in seconda all’Istituto Santa Dorotea di Montecchio Emilia (andavo a scuola dalle suore!). Non dedicavo molta attenzione alla contestazione studentesca e non ho cominciato ad essere un tipo “impegnato” fin verso gli anni del delitto Moro. E anche allora non avevo proprio le idee chiare anche se tendevo ad essere un po’ estremista in ogni opinione che mi capitava di condividere. Un peccato dei 15 anni.

Mi pare di capire che tu sia molto più giovane di me. È certo così. A volte, leggendoti, mi viene il dubbio che tu abbia appunto 15 anni. Ma altre volte no, sei troppo informato. Devi avere avuto il tempo di leggere qualche libro di storia. Probabilmente tutti della stessa casa editrice. Lasciami indovinare: sei tra i trenta ed i trentacinque. Abbastanza vecchio per pensare che dovremmo lasciarti “gestire” il Paese, abbastanza giovane per pensare che la colpa sia ancora tutta degli altri.

Non ci devi dire la verità naturalmente, l’età è una cosa privata, ma se hai più di 35 anni ti consiglio di cambiare registro perché condividi le responsabilità delle “schifo” tanto come me. O forse un po’ di più perché la mia attività politica si è limitata a leggere qualche giornale ed a chiacchierare, tu invece sembri uno molto impegnato. Io ho speso la vita ad insegnare (per lavoro, non per la mia superiore saggezza) che bisogna ragionare con la testa e non con le bandiere. Non so neanche se l’ho fatto bene. In due parole: sono un membro anonimo della massa pseudo-intellettuale che popola la scuola italiana.

Qualunquista... una accusa interessante. Forse ti rispondo. Ma prima la dovresti spiegare un po’ meglio. Cosa intendi dire? Che voterei per il Partito dell’Uomo Qualunque della fine degli anni Quaranta? Se è così non credo che lo farei. Ma se per caso intendi dire che sarei disposto a dare ragione a chiunque dica delle cose che mi sembrano ragionevoli, allora forse sì. La ragione è vagabonda. Non sta mica sempre in tasca alla stessa persona o allo stesso partito. Mi sembra che in fondo in fondo anche il tuo Hegel dovrebbe essere d’accordo con questo.

Io non postulo un posto in Parlamento. Non ho mai neanche pensato di candidarmi al Consiglio di Circoscrizione. Ma quando posso vado a votare. Purtroppo poiché vivo all’estero da tanti anni non posso quasi mai. Questo a volte mi ha tolto le castagne dal fuoco e mi ha evitato di “stringermi il naso” prima di entrare nel seggio elettorale e di fare una croce non convinta sulla scheda. Però mi piace ragionarci sopra. Una cosa che so per certo è che se, dopo aver rivelato la tua identità, tu decidessi di candidarti in qualche elezione, starei bene attento a non votarti. Anche se tu fossi l’unico candidato del centro-sinistra. Non lo farei perché mi piacciono le persone che lasciano qualche punto interrogativo nei loro ragionamenti e non quelle che li riempiono di punti esclamativi. Non so se mi spiego.

Con un po' di simpatia

Vittore

6 commenti:

ciccio ha detto...

ciccio ha meno di 35 anni ed appena un po' piu' di 30. un po' poco per dire di aver condiviso le responsabilità dello schifo che la tua generazione (e quelle due immediatamente prima della tua) ci ha lasciato. anche perche' alle prime elezioni in cui ha votato DC, PCI (purtroppo) e PSI già non c'erano più. avete rovinato scuole ed università e per vent'anni vi siete "turati il naso". ecco, quest'espressione la dice lunga: prima di "turarmi il naso" e votare per qualche mariuolo, io prenderei in mano l'AK47.

Vittore ha detto...

Bravo. una rapida indagine online mi informa che l'AK47 e' un fucile mitragliatore. Lo lascio ai "sicuri di se', presuntuosi e arroganti" (sei troppo giovane per Guccini?) e anche un po' criminali, evidentemente

ciccio ha detto...

intanto vuoi sapere che significa qualunquista. significa appunto che tu pensi che non ci sia una realtà oggettiva. per te ci sono solo opinioni, e la tua - per carità - ha lo stesso valore della mia. ecco, per me questo non è vero. c'è l'oggettivo e poi c'è la deformazione ideologica dell'oggettivo. mi rileggerei bene il tuo ultimo messaggio su calderoli se fossi in te. certe metamorfosi spesso non sono coscienti. poi lo manderei al Sen. Pera e gli chiederei uno scranno in Senato. oppure chiederei a Panebianco di farne un editoriale sul corriere. tanto, ormai, è peggio che leggere "Libero".
P.S.: non so che c'entri un Hegel (che non è certo "mio") in tutto questo, basta leggersi Aristotele. da quando in qua ti piace citare a vanvera? anzi che Hegel (che e'un po' vecchiarello) ti consiglierei il libro "On Bullshit" di un tale Harry J. Frankfurt. capiresti perche' oggi le sciocchezze neo-con vanno cosi' di moda.

ciccio ha detto...

P.P.S.: sull'anonimità di ciccio. scusa, caro vittore, ma io che ne so chi sono gli altri comparenti sul tuo blog? paola (chi è? una mia compagna delle elementari si chiamava paola); elle/eleonora (chi è?); effe (boh!); terry (tua sorella? ma io non la conosco). pensi che per discutere sia necessario presentarsi con nome e cognome? e poi io non ti ho mai insultato sul piano personale. quello che contano sono le idee (il nostro corpo sarà terra fra poco meno di 60 anni): come saremo ricordati? non certo per quanto male ci faceva la schiena o per quanto ci piacevano le patatine fritte. se hai paura del confronto, mi sembra che il bambino di 15 anni sei tu.

ciccio ha detto...

P.P.P.S.: ho appena visto che un altro mio mentore, tale Luigi Cavallaro (che scrive spesso su Manifesto e Liberazione, giornalacci...), ha scritto il 21/2 - potete andare a vedervelo sul sito del Manifesto, è gratis):
>>
non è il "realismo ontologico" a dover essere chiamato in causa per spiegare l'odierna recrudescenza reazionaria e autoritaria, ma l'idealismo sotteso ad ogni abbandono della ricerca dell'oggettività. Che poi è ciò che ha lucidamente argomentato tempo addietro Maurizio Ferraris su queste stesse pagine e sa chiunque si sia scontrato con la volontà di potenza che immancabilmente si cela dietro ogni "pensiero debole".
<<

elle ha detto...

Della serie "il mondo è bello perchè è vario"... qui scotta tutto... e volano parole e soprattutto accuse, che secondo il mio modesto parere lasciano il tempo che trovano, accusare le generazioni passate - indipendetemente dal loro colore politico - dello schifo che c'è ora non ci aiuta certo a prendere in mano, in modo coscienzioso, la situazione. Purtroppo la cosa più semplice e anche la più stupida è argomentare sia per ideologia - e quindi per identificazione in un partito - sia criticare le azioni passate - proprio come stanno facendo tutti i leader politici in lizza in questo momento!
io vedo solo troppe fette di proscuitto sugli occhi degli italiani... sia da una parte che dall'altra. Criticare chi c'è stato prima di noi, buttare alle ortiche quello che è stato fatto prima - e spesso di butta anche quel che di buono c'è stato - porta solo un paese ad un forte discreditamento e l'Italia in Europa sta appena prima della Turchia e della Grecia, riflettiamo gente... così il progresso e la crescita li vediamo solo con un binocolo alla rovescia!
Eleonora 27 anni Specializzanda Bologna