giovedì 30 marzo 2006

Il libro nero

Ho votato. Nonostante i disguidi nella applicazione di una leggina integrativa del voto all’estero (di applicazione non facile per i dipendenti del Ministero dell’Istruzione), per la prima volta da tanto tempo ho votato anch'io. Ho votato prima di voi perché noi votiamo per posta. Così ci contano insieme tra qualche giorno.

Non vi dirò su che simbolo ho messo la croce perché il rito della democrazia ha i suoi gesti e i suoi silenzi. E perché l’ho fatto senza entusiasmo. non posso non chiedermi come scelgono i candidati per la Circoscrizione elettorale “Africa, Asia, Oceania e Antartide”?



Però alla fine l’ho fatto. Anzi l’ho fatto in fretta per evitare il rischio che mi succeda qualche cosa, un incidente, qualunque intoppo che mi impedisca di esercitare il mio diritto. Mi sono deciso irrevocabilmente dopo che quel minusvalido del nostro attuale Presidente del Consiglio ha sparato la sua ennesima cartuccia pirotecnica sostenendo che i Cinesi bollivano i bambini.

Pochi giorni fa Calderoli si è dimesso perché aveva indossato una maglietta con una vignetta forse offensiva per la sensibilità altrui, ed è una cosa che mal si confà con la carica di Ministro. Forse. Mi è rimasto il dubbio. Ma la maglietta era legittima, e lo era, e lo e ancora fare vignette.

Ma questo... questo tormentone dell’anticomunismo è una sorta di malattia mentale. Legittimo averla, in fondo nessuno ha colpa delle proprie limitazioni.

Ma quest’uomo a quel posto proprio non ci può stare. Non è all’altezza.

8 commenti:

terry ha detto...

almeno tu nel bene o nel male hai risolto il dilemma....
Non conosco i candidati per australia oceania ecc... ecc... posso dirti che i candidati qui sono una cosa peripatetica... quindi, temo, siamo nella stessa barca.
L'altra sera uno storico ha detto in Tv che è vero che i cinesi bollivano le bambine ma in epoca precomunista durante la grande carestia dei primi 900.... Berlusca è delirante... ma in ufficio sento commenti che mi fanno con terrore comprendere come alla gente comune e.... non dispiaccia qualcuno che dice quello che loro pensano....
e allora via sui cinesi, sui comunisti che mangiavano i bambini, sui tedeschi che bruciavano gli ebrei, sui cristiani che hanno fatto le crociate, sugli australiani discendenti di galeotti, sui cattolici che mandavano sul rogo le streghe, sui palestinesi povere vittime, su questi santi musulmani perseguitati, sull'insegnamento del corano nelle scuole, ma e i sic poveretti? (e poi non era meglio mettere storia delle religioni nella scuola e vedere se riusciamo ad avere giovani minimamente più coscienti?)e chi più ne ha più ne metta... in fondo il pregiudizio fa opinione! e questo purtroppo vale per ogni colore... e ognuno ha i suoi pregiudizi da vendere... e auguro a Federico di crescere senza arrabbiarsi troppo, ma qualche volta è inevitabile.
Credo comunque che la rabbia sia un "sentimento" sano dipende come la utilizziamo.... troppe volte il contrario della rabbia scivola nell'indifferenza!

cherry ha detto...

Mi spiace per la mancanza di entusiasmo, sopratutto perchè come dici è il primo voto dopo molto tempo.
Quanto alla Cina segnalo un articolo
A bientôt

http://lapulcedivoltaire.blogosfere.it/2006/03/la_cina_di_mao_.html

Mauro ha detto...

forse i comunisti non usavano come fertilizzante e non li mangiavano loro i bambini, ma in compenso costringevano i propri "sudditi" a mangiarli, provocando immani carestie (anche premeditatamente: vedi Ucraina anni 30).
Il link a pulce di voltaire spiega bene.

Anonimo ha detto...

mi fa sempre sbellicare dalle risa (se non fosse tragico) la capacità di sparare puttanate della gente di destra, tipo mauro e cherry. questa stessa gente, che ritiene impossibile (non sia mai...) che una società, un partito od uno stato possa pianificare l'economia (perché le leggi di mercato sono sacrosante e la natura non si fa controllare dall'uomo) riesce poi a sorprendere tutti attribuendo alle stesse entità (partiti, società, responsabili politici) eventi di scala così enorme come le carestie.

ciccio ha detto...

ma il problema, al limite, non è nemmeno questo. il problema è che ci sia gente che ritenga legittimo che un capo di governo tiri fuori vaccate tipo quella dei cinesi, perché la sua campagna elettorale si base sulla lotta al comunismo. ora: se in italia si vivesse come a cuba, oltre a star bene con me stesso ed essere fiero del mio paese, io potrei capire le tirate di scudi del berluscazzo parolaio anticomunista. ma non mi sembra che né in italia, né in europa, né da nessuna parte del mondo se non a cuba o in corea o in parte in cina, ci sia il comunismo. né mi sembra che i partiti che si richiamino al comunismo in italia abbiano programmi comunisti.

ciccio ha detto...

francamente mi chiedo come si possa dar credito ad un presidente del consiglio che invece di rispondere ai problemi seri della gente cerca di prendere per il culo i tipi alla cherry ed alla mauro per convincerli a farsi rivotare ed a continuare a mettergliela in culo. ma forse ha ragione moretti: il caimano non potrebbe prosperare se non in una società di caimani come lui. con buona pace mia, e di vittore. che comunque percepisca se stesso, resta pur sempre un criptoleghista.

Anonimo ha detto...

Giusto per chiarezza: il Mauro che ha postato prima non è da confondere con me. E' un caso di omonimia.
Mauro P. - fratello di Vittore

Vittore ha detto...

Caro Ciccio, puoi evitare di parlare male? E puoi dirci la tua opinione con un po' di pacatezza? Ci si ragiona su meglio. Grazie